Filorga

In occasione dell’uscita del nuovo fluido anti-età Lift-Structure Radiance, Filorga Italia dà il via – insieme alla Fondazione Francesca Rava – al progetto #labellezzadellaricerca per sensibilizzare le donne sulla prevenzione del tumore all’utero e – in particolar modo – per permettere a ragazze e donne in difficoltà di accedere a visite e screening gratuiti, in collaborazione con il CDI – Centro Diagnostico Italiano. Settembre, infatti, è il mese dedicato alla sensibilizzazione sui tumori ginecologici, che ogni anno colpiscono un milione e 300 mila donne, di cui circa 18 mila solo in Italia, e questa campagna sarà attiva fino al 30 novembre 2020. Acquistando il nuovo fluido o un prodotto delle linee Time e/o Lift di Filorga si sosterrà la Fondazione Francesca Rava perché possa offrire una visita o uno screening gratuito per prevenire le malattie oncologiche all’utero, a donne che vivono in case famiglia, in comunità mamma bambino o sono assistite in centri diurni e che per difficoltà economiche, psicologiche, sociali, o per limitato accesso alle informazioni, non si prendono cura di se stesse e del proprio corpo. “Per noi è motivo di particolare orgoglio presentare questo progetto. Non solo perché per Filorga Italia è il primo di social responsibility, ma soprattutto perché possiamo dare un contributo vero e concreto per il benessere di alcune donne nel nostro Paese. Fondazione Francesca Rava, inoltre, sposa perfettamente la mission di Filorga. Anche il nostro brand infatti è da sempre al fianco delle donne, celebrando la loro autenticità e femminilità, valorizzando ogni fase della vita, proponendole trattamenti specifici per le loro esigenze che cambiano nel corso del tempo” – dice Fabio Guffanti, General Manager Filorga Italia. “La Fondazione Francesca Rava da 20 anni aiuta bambini e adolescenti in condizioni di disagio. Siamo felici di offrire – grazie al supporto di Filorga e alla collaborazione di CDI – questa attività di sensibilizzazione e di prevenzione a tante donne e ragazze in difficoltà, ma anche sensibilizzare tutte le altre donne. Lo screening per i tumori all’utero è fondamentale, ma purtroppo molte donne non se lo possono permettere, o viene dimenticato. Nostro compito è di dare loro un aiuto concreto e di accompagnarle a prendersi cura della propria salute” – aggiunge Mariavittoria Rava, Presidente di Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus. “Ogni anno, nel mondo, oltre 500.000 donne si ammalano di tumore alla cervice uterina, che è per incidenza il quarto tumore della popolazione femminile ed è causato nel 99% dei casi al virus HPV ad alto rischio. La prevenzione, grazie alla vaccinazione e allo screening di massa, ha portato negli ultimi anni a una significativa diminuzione della mortalità e a una notevole riduzione di interventi chirurgici maggiori, con importanti ricadute positive sulla salute della donna sia in termini di benessere fisico che psicologico. Il Centro Diagnostico Italiano, da sempre in prima fila nel sensibilizzare la popolazione alla prevenzione e alla diagnosi precoce, è lieto di porsi ancora una volta a fianco delle donne in questa iniziativa così importante, sia sotto il profilo sanitario che sociale” – spiega Roberta Daccò, medico responsabile del Servizio di Ginecologia del Centro Diagnostico Italiano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here