Renato Ancorotti
Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia

“I numeri storicamente hanno sempre dimostrato l’anticiclicità dell’industria cosmetica. Nel 2019, prima dell’emergenza, abbiamo registrato un fatturato di 12 miliardi di euro; la pandemia ha avuto un impatto importante e per fine anno stimiamo una flessione del fatturato dell’11,6%, una percentuale più contenuta di quanto ci saremmo aspettati e che testimonia la resilienza delle nostre aziende. Siamo pronti per un nuovo Rinascimento. Come cittadini, imprenditori e protagonisti di un settore chiave per il Sistema Paese ci aspetta un compito difficile, ma importantissimo, nei prossimi delicati mesi: andare controcorrente e delineare nuovi modelli per ripartire”. È quanto ha dichiarato Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia, in occasione dell’Assemblea pubblica di Cosmetica Italia dal titolo “Un’industria che fa bene al Paese. La resilienza del comparto cosmetico nazionale: un nuovo paradigma per il rilancio del settore”, tenutasi ieri. E tra i nuovi modelli evidenziati nel corso della riunione vi è certamente il digital. “Lo scenario che stiamo affrontando può essere un’opportunità non solo per una ripartenza, ma anche per un modello di presenza sui mercati internazionali caratterizzato da innovazione, digitale e sostenibilità. Elementi già chiave del settore cosmetico che, come nel caso della digitalizzazione, hanno subito una decisa accelerazione” ha affermato Carlo Maria Ferro, presidente di ICE-Agenzia.
Nel corso dell’evento, moderato dal giornalista e scrittore Alan Friedman, sono state evidenziate le caratteristiche di eccellenza del settore coinvolgendo sia rappresentanti delle istituzioni che delle aziende.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here