Il Climate Action Summit delle Nazioni Unite tenutosi a New York ha evidenziato l’importanza del contributo delle aziende nella lotta al cambiamento climatico. In linea con il proprio impegno di lunga data in favore del clima, L’Oréal ha compiuto un altro passo in avanti aderendo all’iniziativa Business Ambition for 1.5°C, una call-to-action lanciata da una larga intesa che vede raggruppate le aziende, la società civile e i leader delle Nazioni Unite. L’Oréal ha deciso di azzerare le emissioni nette entro il 2050, contribuendo quindi a mantenere l’innalzamento della temperatura globale entro 1,5 °C al di sopra dei livelli pre-industriali. Alexandra PALT, Vice Presidente Esecutivo e Chief Corporate Responsibility Officer di L’Oréal, ha spiegato: “Il cambiamento climatico non può più essere considerato un problema lontano o in capo alle generazioni future. L’Oréal è stata una delle prime aziende a prefiggersi ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 delle proprie attività industriali e a raggiungerli. Tuttavia questo non è sufficiente. Dobbiamo fare molto di più e diminuire il nostro impatto in linea con quanto richiesto dalla comunità scientifica e alla luce dei bisogni del pianeta”. Nel processo graduale che la porterà ad azzerare le emissioni nette entro il 2050, L’Oréal si è impegnata a ridurre del 25% le emissioni di gas effetto serra di scope 1, 2 e 3 entro il 2030 (anno di riferimento 2016). Per raggiungere questo obiettivo L’Oréal taglierà del 100% le emissioni di scope 1 e 2 in tutti i siti industriali, amministrativi e di ricerca entro il 2025 (anno di riferimento 2016). A dicembre 2017 questi impegni sono stati riconosciuti come obiettivi “science-based” dalla “Science-Based Targets Initiative”, confermando la loro conformità alla direzione richiesta dall’Accordo di Parigi. Questo approccio “science-based” è il frutto di un lavoro decennale di L’Oréal per ridurre la propria impronta di carbonio lungo tutta la catena di valore. Il Gruppo ha già ridotto del 77% in termini assoluti le emissioni dei siti industriali dal 2005 al 2018. Alla fine del 2018, 38 siti L’Oréal avevano raggiunto la neutralità del carbonio. Una performance eccezionale che il CDP ha riconosciuto per il sesto anno consecutivo assegnando a L’Oréal una delle tre “A” per gli sforzi profusi nella lotta al cambiamento climatico. L’impegno di L’Oréal a ridurre la propria impronta ambientale e dare prova di leadership come azienda responsabile è stato nuovamente riconosciuto in occasione della settimana dei leader del Global Compact delle Nazioni Unite. L’Oréal è stata inclusa nel Global Compact LEAD per il costante impegno verso il Global Compact delle Nazioni Unite e i Dieci Principi per una gestione responsabile del business. Lise Kingo, CEO e Direttore Esecutivo del Global Compact delle Nazioni Unite, ha commentato: “Le aziende LEAD si contraddistinguono per il massimo livello di dedizione al Global Compact delle Nazioni Unite. Ora più che mai il mondo ha bisogno di aziende di tutte le dimensioni, come quelle nominate Lead, che lavorano continuamente per migliorare la propria performance sostenibile e agiscono per creare un mondo migliore”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here