The Estée Lauder Companies in flessione e avvia un piano di ristrutturazione

The Estée Lauder Companies in flessione e avvia un piano di ristrutturazione. The Estée Lauder Companies Inc. ha registrato un fatturato netto di 4,28 miliardi di dollari per il secondo trimestre terminato il 31 dicembre 2023, in calo del 7% rispetto a 4,62 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno precedente. Le vendite nette organiche sono diminuite dell’8%, riflettendo le sfide nel settore del travel retail in Asia, nonché la continua debolezza del prestige nella Cina continentale. La diminuzione riflette anche una flessione dell’1% dovuta alle interruzioni delle attività in Israele e in altre parti del Medio Oriente. Compensando parzialmente queste pressioni, le vendite nette organiche sono cresciute in diversi mercati dell’Asia/Pacifico e dell’Europa, del Medio Oriente e dell’Africa, nonché in quasi tutti i mercati dell’America Latina. La Società ha riportato un utile netto di 313 milioni di dollari, rispetto all’utile netto di 394 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno precedente. Fabrizio Freda, Presidente e Amministratore Delegato, ha dichiarato: “Per il secondo trimestre dell’anno fiscale 2024, abbiamo realizzato le nostre prospettive di vendita organiche e superato le aspettative di redditività. The Ordinary e La Mer nello skincare, Clinique nel make up e Le Labo e Jo Malone London nel settore dei profumi hanno registrato ottime performance. Molti mercati sviluppati ed emergenti in tutto il mondo hanno continuato a crescere. Mentre il travel retail in Cina continentale e Asia è diminuito, le nostre vendite al dettaglio hanno avuto un andamento superiore a quello delle vendite organiche e queste attività sono destinate a tornare alla crescita organica delle vendite nella seconda metà”. Freda ha sottolineato: “Abbiamo fatto progressi nel primo semestre su diverse priorità strategiche, tra cui la riduzione delle scorte nel commercio di travel retail asiatico, il miglioramento del capitale circolante, la realizzazione di livelli più elevati di prezzi netti e la gestione delle spese. Siamo, in modo incoraggiante, a un punto di svolta. Nella seconda metà dell’anno fiscale 2024, siamo posizionati per tornare a una forte crescita organica delle vendite ed espandere la nostra redditività rispetto alla prima metà. Inoltre, oggi abbiamo annunciato che stiamo espandendo ulteriormente il nostro piano di recupero degli utili, a beneficio degli anni fiscali 2025 e 2026, per includere un programma di ristrutturazione. Riteniamo che questo piano ora più ampio posizionerà meglio la Società per ripristinare una redditività più forte e più sostenibile, supportando al tempo stesso l’accelerazione della crescita delle vendite e aumentando l’agilità e la velocità di immissione sul mercato”.

La Società ha annunciato che espanderà ulteriormente il suo piano di recupero degli utili per gli anni fiscali 2025 e 2026 per includere un programma di ristrutturazione. Il piano complessivo, ora più ampio, si concentra sulla ricostruzione di una redditività più forte e più sostenibile, supportando l’accelerazione della crescita delle vendite e aumentando velocità e agilità. Il piano è progettato per migliorare il margine lordo, abbassare la base dei costi e ridurre le spese generali, aumentando al contempo gli investimenti nelle attività chiave rivolte ai consumatori. Una volta completato questo piano, la Società prevede di aver migliorato il proprio margine lordo e la base di spesa per ottenere una maggiore leva operativa per il futuro. Il programma di ristrutturazione inizierà durante il terzo trimestre fiscale 2024 della Società. Si prevede che le iniziative specifiche previste da questo programma di ristrutturazione saranno sostanzialmente completate entro la fine dell’anno fiscale 2026. L’obiettivo principale del programma di ristrutturazione comprende la riorganizzazione e il ridimensionamento di alcune aree della Società, nonché la semplificazione e l’accelerazione dei processi. In connessione con il programma di ristrutturazione, in questo momento la Società stima una riduzione netta nell’ordine del 3-5% delle sue posizioni rispetto al 30 giugno 2023 (il numero dei tagli dovrebbe essere di circa 3.100 posizioni). Tale riduzione tiene conto dell’eliminazione di alcune posizioni nonché della riqualificazione e ridistribuzione di alcuni dipendenti in aree selezionate.

Una volta completata l’implementazione, la Società prevede di sostenere oneri di ristrutturazione e altri oneri compresi tra 500 e 700 milioni di dollari, al lordo delle imposte, costituiti da costi relativi ai dipendenti, risoluzioni di contratti, cancellazioni di asset e altri costi associati all’attuazione di queste iniziative. Si prevede che il programma produrrà benefici annuali lordi compresi tra 350 e 500 milioni di dollari, al lordo delle imposte, di cui una parte dovrebbe essere reinvestita in aree rivolte ai consumatori per promuovere una crescita sostenibile e redditizia. La Società rimane ottimista riguardo alle prospettive a lungo termine e alle future opportunità di crescita nel settore della bellezza di prestigio globale. Nell’ambito di questo piano, la Società prevede di aumentare i propri investimenti nel forte patrimonio netto e nell’opportunità dei suoi marchi di promuovere una crescita sostenibile, e ritiene di essere ben posizionata per promuovere una crescita meglio diversificata in tutto il suo portafoglio.