I consumatori cercano benessere e sostenibilità

I consumatori cercano benessere e sostenibilità. Secondo un sondaggio realizzato da di Klarna, società svedese che fornisce soluzioni di pagamento a 147 milioni di consumatori attraverso oltre 400mila commercianti in 45 paesi, gli italiani sono alla ricerca di prodotti che riflettano le loro aspirazioni per uno stile di vita sano, nonché le loro preoccupazioni ambientali ed etiche. Secondo il report – inviato online nel febbraio 2022 in collaborazione con l’agenzia di ricerca Dynata a più di 3.000 partecipanti di 3 paesi (Italia, Spagna e Francia) – la trasparenza da parte dei marchi del settore beauty è al primo posto, con l’80% dei consumatori che afferma che i marchi dovrebbero essere più chiari sulle loro credenziali di sostenibilità. Più di 7 consumatori italiani su 10 (71%) leggono più attentamente le confezioni dei prodotti quando acquistano articoli di bellezza. Allo stesso tempo, i consumatori stanno anche guidando la tendenza verso prodotti bio e naturali. Il 74% dei consumatori usano prodotti biologici e di questi la metà lo fa per ridurre l’impatto ambientale. “Oggi la definizione di bellezza è strettamente legata al senso di wellness e di salute dei consumatori. Gli italiani vogliono sentirsi a loro agio nel proprio corpo, quindi stanno dando la priorità a prodotti sostenibili e biologici per la skincare e a strumenti innovativi che esaltino e non nascondano la propria bellezza. I consumatori sono diventati più attenti ai marchi che acquistano, facendo scelte informate su ciò che mettono sulla propria pelle in modo da poter non solo apparire bene, ma anche sentirsi bene” ha commentato Francesco Passone, country manager Italia di Klarna.
Dal report emerge anche che il 66% dei consumatori italiani preferirebbe sentirsi sempre bene piuttosto che avere sempre un bell’aspetto. La principale motivazione d’acquisto tra i consumatori di prodotti di bellezza è il sentirsi a proprio agio nella propria pelle (33%) – in particolare Gen X (33%) e Baby Boomers (47%). 1 acquirente su 5 acquista un articolo di bellezza per coccolarsi.
Le routine di bellezza sono state ripensate… 2 consumatori di prodotti di bellezza su 5 (38%) dichiarano di spendere di più in prodotti per la cura della pelle, un numero che è molto più alto nei gruppi di età più alta (Gen Z: 40%, Baby Boomers: 48%). Questo è probabilmente il motivo per cui 1 consumatore di bellezza su 3 dichiara di dare la priorità ai prodotti per la cura della pelle rispetto al make up, e il 23% afferma che la sua routine di bellezza è stata semplificata con meno passaggi.
Inoltre, 7 shopper italiane su 10 hanno utilizzato device per la cura della pelle nella loro routine di bellezza. La spazzola per la pulizia del viso (63%) è lo strumento più popolare tra le beauty shopper italiane, seguita da vicino dai Jade Rollers (35%), in particolare tra la Gen Z (40%), e le Millennials (36%). 2 su 5 (42%) beauty shopper sarebbero interessati a consigli personalizzati per la cura della pelle, così come a prodotti su misura (36%), e all’utilizzo di App di realtà aumentata per provare il make up (23%), e agli specchi smart (17%). I social media e gli amici/conoscenti sono le principali fonti di ispirazione per scoprire nuove tendenze di bellezza. Più di 1 su 3 (36%) è incoraggiato a provare nuove tendenze di bellezza scoprendole sui social media (TikTok, Youtube, Instagram) – soprattutto per le generazioni più giovani (Gen Z 66%, Millennials 46%). La maggior parte dei consumatori di prodotti di bellezza dicono di essere inclini a provare nuove tendenze anche grazie ai loro amici e conoscenti (36%).4 acquirenti su 5 (80%) pensano che i marchi di bellezza dovrebbero essere più trasparenti sulle loro credenziali di sostenibilità, e ricercare maggiore chiarezza. I beauty shopper stanno anche apprezzando la comprensibilità degli ingredienti, con 7 su 10 (71%) che leggono più attentamente le confezioni dei prodotti quando fanno acquisti. Allo stesso tempo, il 62% cerca attivamente le certificazioni e le etichette dei marchi sulle confezioni dei prodotti, il che vale per tutte le generazioni (Gen Z 62%, Millennials 62%, Gen Z 61%, Baby Boomers 66%). Infine, il 74% ha dichiarato di usare prodotti naturali e biologici. Le principali motivazioni per usarli sono il desiderio di un corpo sano (48%), l’assenza di test sugli animali (47%), e il non volere sostanze chimiche sulla pelle (39%).