Ysl Beauty presenta il documentario Push The Boundaries

Ysl Beauty presenta il documentario Push The Boundaries e l’evento YSL Beauty Zone con i quali si propone di partecipare all’ondata di cambiamento, sostenendo coloro che hanno il coraggio di stare fuori dal coro e di infrangere i limiti loro imposti dalla società. Il movimento si articola attraverso quattro gruppi di “code breaker” cioè persone fuori dagli schemi sono appassionati di danza, della professione di DJ, del gaming e dell’esplorazione di luoghi nascosti, ma soprattutto, sono la prossima generazione che guida il cambiamento con una nuova intrepida mentalità. Il primo documentario ha per protagonista la danzatrice e coreografa Badgyalcassie, la DJ Chloé e la gamer Jasmine. “Ogni episodio è stato filmato con la camera a mano, che fa viaggiare lo spettatore nella vita delle nostre eroine nel loro passato, presente e futuro. Il racconto di come ciascuna ragazza ha creato uno spazio per sé stessa, ispirando la prossima generazione a fare lo stesso, a prescindere dai limiti che la società impone loro. I filmati iniziano con la protagonista che ‘strappa’ lo schermo in un energico rifiuto degli ideali della società. Dalla sua routine mattutina di bellezza, attraverso un corridoio o un percorso stretto, fugge per le strade di Parigi o su un tetto spinta dall’impulso irrefrenabile di andare contro il sistema e di superare i limiti. Poi le parole finali: l’appello ad agire per continuare a portare avanti l’onda del cambiamento” si legge nella nota stampa. Per l’Italia la protagonista è la street dancer Valentina Vernia @shadesofbanana. “Soprannominata da tutti Banana, balla sin da bambina e a 13 anni ha scoperto l’hip hop, successivamente l’afro style un richiamo alle sue radici (la madre è della Sierra Leone). La danza è come un superpotere che le permette di esprimersi e liberarsi, abbattendo gli stereotipi. Valentina si muove danzando tra una location e l’altra e tra le pause aggiusta il suo look applicando The Slim, Mascara Volume Effet Faux Cils e la fragranza Black Opium”.