Ottime performance per Douglas

Douglas ha stabilizzato le sue vendite dopo un periodo in cui la pandemia globale di Coronavirus ha avuto un impatto significativo sul settore della vendita al dettaglio. Dopo aver assistito a un calo a marzo, aprile e maggio a causa della chiusura dei negozi, disposta dal governo, la società ha registrato una crescita delle vendite su base annua a giugno. Le vendite consolidate del Gruppo per i primi nove mesi dell’anno fiscale 2019/2020 sono state pari a 2,5 miliardi di euro, con un calo di solo il 7,5% rispetto al livello dell’anno precedente. Nello stesso periodo, le vendite dei negozi sono diminuite del 17,2% su base annua. Al contrario, l’attività di e-commerce di Douglas è aumentata del 39,6%, compensando parzialmente l’impatto sui guadagni. Anche la rigida disciplina dei costi e la gestione coerente della liquidità hanno aiutato l’azienda a raggiungere questo risultato. A causa del calo delle vendite, l’ebitda rettificato è diminuito del 10,6% a 264 milioni di euro su base annua. Tuttavia, anche durante la crisi sanitaria, Douglas ha continuato a espandere la propria quota di mercato nei mercati principali di Germania, Francia, Spagna e Italia, sia online sia offline. “Sono orgogliosa delle prestazioni dell’intero team. Lavorando insieme, abbiamo guidato con sicurezza Douglas attraverso la crisi. La nostra gestione rapida e risoluta delle crisi, la nostra rigorosa disciplina dei costi e la rapida digitalizzazione dell’azienda in linea con la nostra strategia #Forwardbeauty hanno avuto un chiaro impatto. Quando abbiamo lanciato questo programma strategico, ci siamo concentrati sull’e-commerce sin dall’inizio. Stiamo ora traendo enormi profitti da questa decisione. Abbiamo ampliato in modo importante la nostra posizione di fornitore leader di e-commerce premium e abbiamo potuto compensare parzialmente il calo delle vendite dai nostri negozi. Abbiamo ora riaperto la maggior parte dei nostri negozi in tutta Europa e abbiamo già visto di nuovo una chiara tendenza al rialzo nelle vendite dei nostri negozi a giugno” – spiega Tina Müller, CEO del gruppo Douglas.

Durante i primi nove mesi dell’anno fiscale 2019/20, Douglas ha generato vendite e-commerce per 640 milioni di euro, con un aumento del 39,6% su base annua. “La pandemia di Coronavirus ha cambiato radicalmente e permanentemente i comportamenti di consumo. Anche prima dell’inizio della crisi sanitaria, c’era stato uno spostamento verso la vendita al dettaglio online: la pandemia ha accelerato ulteriormente questa tendenza. Nel terzo trimestre la nostra attività di e-commerce è aumentata del 70,3% su base annua e il numero di nuovi clienti è addirittura aumentato di oltre il 90%. Siamo anche davvero lieti di vedere che questo slancio è continuato anche dopo la riapertura dei negozi. Partiamo dal presupposto che oggi stiamo già generando circa tre volte la quantità di vendite online che il nostro concorrente più vicino sta generando in Germania. Ci stiamo avvicinando al traguardo di 1 miliardo di euro di vendite nell’e-commerce a grandi passi” – afferma Vanessa Stützle, CDO del gruppo Douglas. Durante i primi nove mesi dell’anno fiscale, Douglas ha generato il 25,6% delle sue vendite totali online. Nel suo mercato interno tedesco, il numero è arrivato fino al 39,9%.

Al termine delle chiusure dei negozi, disposte dal governo, Douglas ha riaperto quasi tutti i suoi 2.400 negozi in Europa nel rispetto delle normative ufficiali e delle misure igieniche. Il numero di clienti nei negozi è aumentato già da aprile, quando è iniziato l’allentamento delle restrizioni. Le vendite in negozio hanno mostrato una forte tendenza al rialzo, in particolare a giugno. Le vendite si sono avvicinate al livello dell’anno precedente nonostante alcuni orari di apertura ancora limitati. Sullo sfondo del mutato comportamento dei consumatori, Douglas ha annunciato a giugno l’intenzione di sviluppare un concetto futuro per la sua rete di negozi europea. La società aveva inizialmente pianificato di presentare il concetto durante la fine dell’estate. Ma il consiglio di amministrazione dell’azienda ha ora deciso di ampliare il periodo di analisi per due motivi. In primo luogo, vuole essere in grado di prendere una decisione sana e responsabile sul potenziale futuro di ogni singolo negozio in vari paesi. In secondo luogo, vuole determinare quanto sia estesa la nuova forma di comportamento dei consumatori durante il cruciale business natalizio. Il concept dovrebbe ora essere presentato all’inizio del 2021.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here