Douglas

Secondo quanto reso noto dai sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs: “La direzione della catena di profumerie Douglas Italia ha comunicato ai sindacati l’avvio di un immediato piano di riorganizzazione della rete di negozi con relative chiusure in seguito alle ingenti perdite di fatturato e redditività registrate a causa degli effetti della pandemia da Covid-19 motivando questa scelta con la necessità di salvaguardare la liquidità del Gruppo. L’operazione coinvolgerà tutta la rete dei negozi in Europa.L’impatto del piano sulla country italiana, ha annunciato la direzione aziendale, sarà rilevante per il numero di chiusure, ancora da definire, effettuate nel giro di 12-24 mesi. La valutazione, sottolinea Douglas Italia, anche sul perimetro dei negozi in perdita prima della pandemia e considerati non profittevoli. La direzione ha già annunciato la chiusura dei 17 punti vendita entro il 31 marzo 2021 in Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Emilia Romagna, Sicilia e Sardegna. Immediata la reazione dei sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs che hanno proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori. Le tre sigle hanno sollecitato un incontro urgente per l’8 febbraio, confermato dalla direzione aziendale, diffidando la messa in atto di azioni unilaterali e trasferimenti che celano in realtà veri e propri licenziamenti. I sindacati hanno stigmatizzato ‘la mancata attivazione di un confronto preventivo, situazione che ha determinato un atto di oggettiva lesione di normali e positive relazioni sindacali’. Le tre sigle puntano il dito contro ‘l’ennesimo atto volto a destrutturare ulteriormente la rete di negozi in Italia’ ricordando che ‘ad inizio del 2019 Douglas Italia aveva già annunciato la chiusura di 35 negozi in Italia, in parte per effetto di contratti d’affitto non rinnovati, in parte per redditività negativa’. ‘Proprio in occasione dell’ultima proroga del contratto di solidarietà – aggiungono i sindacati – era stato firmato un verbale d’accordo in cui si dichiaravano superati i problemi di carattere occupazionale anche in seguito al processo di acquisizione dei marchi Limoni e La Gardenia, con il mantenimento del perimetro esistente’. ‘L’Auspicio – concludono i sindacati – è quello di individuare soluzioni condivise in alternativa ad un processo di riorganizzazione che mette a rischio centinaia di posti di lavoro e che potrebbe tradursi con pesanti ripercussioni sociali nel corso di congiuntura economica che già risente fortemente degli effetti della crisi pandemica in atto’. Secondo quanto recentemente dichiarato in un comunicato stampa di Douglas a livello internazionale, su un totale di 2.400 in Europa, il gruppo ha definito la chiusura di circa 500, di cui la maggior parte nell’Europa meridionale e circa 60 in Germania. “Nell’importante trimestre natalizio siamo stati ancora una volta in grado di far crescere fortemente la nostra attività online con il Singles Day, il Black Friday e la nostra campagna natalizia, ottenendo un trimestre record per la nostra attività di e-commerce. Ciò ha attenuato l’impatto del secondo blocco con relativamente successo. Abbiamo anche grandi progetti per i mesi a venire: la necessaria riduzione della nostra rete di negozi sarà accompagnata da investimenti in flagship store nelle migliori location, in marchi leader internazionali e nella significativa espansione del digital retail in tutta Europa” ha commentato Tina Müller, ceo del gruppo Douglas.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here