Gestire la profumeria con logiche da grande distribuzione organizzata ma senza rinunciare al suo contenuto di esclusività e servizio. È la formula adottata da Unix Profumerie, insegna nata come emanazione del gruppo distributivo Alì, proprietario delle catene Alì Supermercati e degli ipermercati Alìper, tutti concentrati tra Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna. Nata dall’incontro tra il presidente di Alì, Marco Canella, e Tullio Prevato, che oggi è direttore generale di Unix Profumerie e in precedenza si era occupato dello start up delle catene Caron e Beauty Star (gruppo Dmo), questa insegna conta oggi 26 punti vendita, dei quali 17 in centri commerciali e il resto in centro storici. “Quest’anno chiuderemo con una crescita del 3% a parità di punti vendita e del 10,3% considerando anche i nuovi negozi, per un giro d’affari di circa 23 milioni di euro e una media porta di 880 mila euro” spiega Tullio Prevato. “Il nostro obiettivo è aprire ogni anno tre nuovi punti vendita ed essere sempre un po’ più bravi del mercato, crescere di 4/5 punti sopra alla media italiana. Fino a questo punto ci siamo riusciti però, mi creda, è sempre più difficile. Lavorare bene non è più sufficiente, lavorare molto bene non basta ma bisogna lavorare in maniera eccellente. Questo significa che dal momento in cui il cliente entra in negozio, il modo in cui lo accogli, come gli sorridi, il consiglio che gli dai devono essere di alto livello. Ecco perché quest’anno abbiamo raddoppiato le giornate di formazione delle nostre 102 addette alla vendita, focalizzandoci in modo particolare su alcuni temi: accoglienza del cliente, tecniche di vendita, visual merchandising, vetrinistica e gestione del punto vendita” prosegue Tullio Prevato. Ma la preparazione delle vendeuse è solo uno degli interventi messi a punto da Unix per cercare di far fronte alla diffi cile congiuntura economica. Tra questi vi è la politica di prezzo aggressiva, che si combina da un lato con l’ottimizzazione degli stock sul punto vendita (resa possibile da un programma di riordino automatico e da un’attenta selezione delle novità) e dall’altro con la massima leggibilità dell’offerta in una logica di libero servizio. “Tutti prodotti in assortimento sono esposti con ben indicato il prezzo netto di vendita e sono tra i più vantaggiosi sul mercato” continua il direttore generale della catena. “Questo non signifi ca che rinunciamo al servizio perché realizziamo settimane con beauty, giornate con hostess, prove di make up personalizzate, ma anche campagne promozionali tramite volantino con una cadenza periodica di tre settimane. Realizziamo 16 volantini all’anno, arrivando a distribuire anche 230 mila copie in occasione di festività particolari. In particolare lo scorso Natale abbiamo puntato su un’importante offerta di cofanetti che, con un prezzo a partire da cinque euro, potevano soddisfare ogni esigenza di regalo. E inoltre abbiamo puntato ad anticipare gli acquisti di questa tipologia di prodotti, proponendo degli sconti aggiuntivi a coloro che compravano pack natalizi già a partire da novembre. In particolare, ‘l’operazione anticipa Natale’ prevedeva un buono sconto da 5 euro valido dal 31 ottobre al 22 novembre per chiunque effettuasse un acquisto minimo di 40 euro su cofanetti regalo. È stata un’iniziativa che ci ha dato grande visibilità e grazie alla quale, anche per merito del passaparola, molti clienti ci hanno preferito alla concorrenza”. Il focus sulla promozionalità va di pari passo con lo sviluppo di un importante, in termini numerici, programma di fedeltà. “Oggi il 51% delle vendite è realizzata tramite fidelity card e lo scontrino dei titolari di carta è superiore del 50% a quello dei non titolari” afferma Tullio Prevato. “Lavoriamo per allargare ulteriormente l’utilizzo della nostra fidelity, rispetto alle 33 mila già emesse, che si vanno a sommare alle 400 mila del circuito Alì-Alìper che sono utilizzabili anche in Unix”. A questo si aggiunge il sito web www.unixprofumerie.it, che è nato lo scorso marzo ed è costantemente aggiornato per fornire ai consumatori informazioni sui prodotti e sui servizi presenti nelle profumerie. “Per opporsi alla concorrenza di altri canali, come farmacia e Gdo, e attrarre nuovi consumatori in profumeria è necessario puntare su un servizio eccellente, anche per quanto riguarda la comunicazione on line. È importante ottimizzare i costi e utilizzare al meglio la tecnologia, ma senza perdere di vista un elemento fondamentale: il consumatore, che purtroppo ogni tanto ci dimentichiamo. È vero che c’è la crisi, ma abbiamo tutti bisogno di fi ducia e positività. Il nostro messaggio è Unix si prende cura di te. Le aziende ci aiutano in questo, ma non sempre. Non lo fanno quando lanciano pro-dotti solo per fare fatturato. Al contrario le novità sono importanti se ‘giuste’ ovvero se realizzate da brand importanti e con vere innovazioni. È il momento di pensare più al sell out che al sell in. In futuro dovremo ridimensionare l’offerta e focalizzarci sui prodotti che funzionano di più, i pilastri di ogni marca” conclude il direttore generale di Unix Profumerie. “Nel mercato oggi abbiamo da un lato i profumieri finanzieri e dall’altro indipendenti non allenati ad analizzare i dati di fatturato. Al contrario noi analizziamo i dati – siamo stati tra i primi a collaborare con Npd – per capire come servire meglio il cliente. È a questo che dobbiamo puntare”.