Puig lancia l'Ipo sulle Borse spagnole
Marc Puig, Presidente e CEO di Puig

Puig chiude il 2023 a +19%. Puig ha chiuso il 2023 con ricavi netti record pari a 4.304 milioni di euro, in crescita del 19% rispetto al 2022 (+19% a perimetro comparabile e a tassi di cambio costanti), con un tasso di incremento a doppia cifra in tutti i segmenti e in tutte le aree geografiche. Questi risultati sono significativamente più avanti rispetto al piano dell’azienda, stabilito nel 2021, di raggiungere 3.000 milioni di euro di ricavi nel 2023. Grazie alla crescita da record del mercato della bellezza dell’azienda negli ultimi tre anni, l’azienda ha raggiunto il suo obiettivo di raddoppiare i ricavi netti del 2020 con un anno di anticipo e quasi triplicarli con due anni di anticipo. La società ha raggiunto un EBITDA di 849 milioni di euro, con un aumento del 33% rispetto al 2022, con un margine EBITDA del 20%. L’utile netto è salito a 465 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto all’anno precedente. Puig ha registrato un debito finanziario netto pari a 1.196 milioni di euro. L’azienda ha ottenuto questi risultati record grazie a una crescita superiore al mercato in tutti i segmenti e in tutte le aree geografiche e nonostante un contesto economico difficile, caratterizzato da tensioni geopolitiche e tassi di interesse in aumento. Marc Puig, Presidente e CEO di Puig, ha commentato: “Abbiamo raggiunto questi ottimi risultati grazie alla nostra strategia di creazione di un portafoglio di marchi di proprietà, concentrandoci su prodotti prestige ed espandendo la nostra leadership nelle fragranze e nel trucco di nicchia. Grazie alla forza e all’opportunità del nostro portafoglio diversificato, abbiamo rafforzato la nostra posizione nelle nostre regioni principali – Europa e Americhe – continuando a investire in mercati con un elevato potenziale di crescita per i nostri marchi. Abbiamo iniziato il 2024 con uno slancio positivo, compreso il rafforzamento della nostra posizione nella cura della pelle premium con l’acquisizione del marchio Dr. Barbara Sturm. Abbiamo anche celebrato l’inaugurazione del nostro nuovo edificio a Barcellona, alla presenza del Re e della Regina di Spagna, e dei nuovi uffici a New York, che testimoniano il nostro continuo investimento in Puig e nella presenza nei paesi chiave”.

Puig ha registrato un aumento del 17% nel segmento dei profumi e fashion rispetto al 2022, alimentato dalla forza dei propri marchi. Questo segmento ha rappresentato il 72% dei ricavi netti di Puig nel 2023 rispetto al 74% nel 2022. I principali punti salienti del 2023 includono il lancio di una nuova identità di marchio da parte di Rabanne, diventando così il primo marchio Puig a superare i ricavi netti di 1 miliardo di euro, mentre Jean Paul Gaultier è diventato il marchio in più rapida crescita nel portafoglio Puig. L’azienda ha continuato a guadagnare quote di mercato, raggiungendo l’11% nel settore della distribuzione selettiva di fragranze a livello mondiale, segnando una pietra miliare nella sua storia. Questo successo è stato sostenuto dai prodotti di prestigio di Puig, come l’iconica fragranza 1 Million di Rabanne, Good Girl di Carolina Herrera e il successo del lancio di Le Male Elixir e Gaultier Divine di Jean Paul Gaultier.

Puig ha continuato a consolidare il suo portafoglio di nicchia con uno slancio particolarmente dinamico nel suo marchio di nicchia in più rapida crescita, Dries Van Noten, così come Byredo, che ha ottenuto una crescita a doppia cifra durante il primo anno sotto Puig nonostante un rallentamento delle vendite al dettaglio in Asia.

Il segmento di business del trucco ha registrato un aumento dei ricavi del 23% nel 2023 e ha rappresentato il 18% dei ricavi netti di Puig (rispetto al 17% nel 2022). Lo slancio di questo segmento continua ad essere trainato dal successo di Charlotte Tilbury, che ha celebrato il suo decimo anniversario con una performance positiva nel Regno Unito, Nord America ed Europa, Medio Oriente, Australia e Singapore. La forte crescita del segmento è stata ulteriormente alimentata dall’accelerazione in Medio Oriente e in America Latina, dalla performance di Christian Louboutin Beauté e dall’accoglienza positiva del lancio della linea di make-up di Rabanne, che sta ampliando l’attrattiva del marchio presso un pubblico nuovo e diversificato.

I ricavi del segmento skincare sono aumentati del 31% nel 2023, diventando il segmento in più rapida crescita per Puig e rappresentando il 10% dei suoi ricavi netti. Questo incremento è stato ancora una volta in parte determinato dal successo del prodotto di punta Magic Cream di Charlotte Tilbury, in linea con il suo impegno nel fornire un regime completo di skincare. La crescita è stata ulteriormente alimentata dalle vendite di prodotti dermatologici su base scientifica di Uriage e Apivita, che hanno aumentato i loro investimenti in innovazione e tecnologia negli ultimi due anni per continuare a sviluppare prodotti dermatologici scientifici e rispettosi dell’ambiente. Infine, l’integrazione dei risultati annuali di Loto del Sur e Kama Ayurveda, entrambi acquisiti nel 2022, è stata fondamentale per raggiungere questa forte crescita a doppia cifra nel 2023. Il segmento è stato nuovamente rafforzato con l’acquisizione della Dr. Barbara Sturm a gennaio 2024. Dal punto di vista geografico i ricavi netti di Puig sono cresciuti di oltre il 18% su base annua in tutte le regioni, con la crescita più elevata proveniente dalla regione Asia Pacifico, in incremento del 26%. Nell’area EMEA, che rappresenta il 54% dei ricavi complessivi, Puig ha registrato un aumento del 18% rispetto al 2022, nonostante la crisi globale, le tensioni geopolitiche e l’inflazione. In linea con l’obiettivo di elevare i propri marchi di prestigio nella regione, Charlotte Tilbury si è espansa in nuovi paesi EMEA come Polonia, Svezia e Arabia Saudita. L’azienda ha continuato a consolidare la propria presenza in Europa, la sua regione più importante in termini di fatturato, con una forte crescita nel Regno Unito, Spagna e Francia. Inoltre, l’azienda ha iniziato l’espansione della categoria benessere con l’apertura di un negozio Kama Ayurveda a Notting Hill, Londra, nonché di una spa ad Harrods. Basandosi sul continuo slancio positivo, Puig ha annunciato il suo investimento in nuovi uffici a Parigi, aperti nel 2023, e a Londra, la cui apertura è prevista nel 2024. Alla presenza delle Loro Maestà il Re e la Regina di Spagna, Puig ha recentemente inaugurato un significativo ampliamento della sua sede a Barcelona a chiara testimonianza dell’impegno dell’azienda verso la crescita.