Gruppo Douglas ha fissato il prezzo d'offerta finale

Il 21 marzo prende il via la quotazione di Douglas. Il Gruppo Douglas insieme al suo azionista Kirk Beauty International S.A., una holding partecipata in maggioranza da fondi assistiti dalla società globale di private equity CVC Capital Partners e dalla famiglia Kreke, ha fissato la fascia di prezzo per le sue azioni da 26,00 euro a 30,00 euro per azione. La fascia di prezzo implica una capitalizzazione di mercato totale compresa tra 2,8 miliardi di euro e 3,1 miliardi di euro. L’Autorità federale tedesca di vigilanza finanziaria (BaFin) ha approvato oggi il prospetto dei titoli per l’offerta pubblica in Germania e la quotazione di Douglas. L’offerta comprende un totale di circa 34,6 milioni di azioni. L’offerta comprenderà due componenti:

1) Fino a circa 32,7 milioni di azioni al portatore di nuova emissione senza valore nominale (le “Azioni Primarie”), e

2) Fino a circa 1,9 milioni di azioni al portatore esistenti senza valore nominale (le “Azioni Secondarie” e, insieme alle Azioni Primarie, le “Azioni di Offerta”) dalle partecipazioni di Kirk Beauty International S.A. (l’”Azionista Venditore”) a coprire gli obblighi fiscali dei partecipanti ai programmi di gestione azionaria.

Il flottante previsto oscillerebbe dal 29,3% al 31,8%, a seconda del numero finale di azioni primarie e secondarie collocate e del prezzo di offerta finale (escludendo eventuali misure di stabilizzazione). Il primo giorno di negoziazione dovrebbe essere il 21 marzo 2024. Sander van der Laan, CEO del gruppo DOUGLAS, ha dichiarato: “L’anno scorso, con l’inizio della primavera, abbiamo annunciato la nostra nuova strategia ‘Let it Bloom’ ed esattamente un anno dopo, stiamo per quotare la società alla Borsa di Francoforte. Considero questo un buon segno del fatto che il Team Douglas ha continuato a fare grandi progressi ed è pienamente impegnato a sviluppare ulteriormente l’azienda. Con il nostro forte modello di business e una strategia di crescita di successo, il Gruppo Douglas è posizionato in modo ottimale in un mercato molto attraente. La riduzione dell’indebitamento associata all’IPO aumenterà la nostra flessibilità finanziaria e fornirà ulteriore supporto per il nostro sviluppo di successo”.

L’obiettivo della società è di ricavare dalla vendita delle Azioni Primarie un ricavo lordo di circa 850 milioni di euro. Insieme ad un ulteriore apporto di capitale nelle riserve di capitale di 300 milioni di euro da parte dell’attuale azionista, verrà utilizzato il contributo di capitale di circa 1,15 miliardi di euro, insieme alla liquidità disponibile e ai proventi lordi di circa 1,3 miliardi di euro nell’ambito dei nuovi 1,6 miliardi di euro del contratto di prestito in euro (inclusa una linea di credito revolving non utilizzata di 0,3 miliardi di euro) per un rifinanziamento completo dell’indebitamento finanziario esistente per continuare a ridurre l’indebitamento del bilancio del Gruppo Douglas, sostenendo la crescita futura.

Il periodo di offerta dovrebbe iniziare il 12 marzo 2024 e concludersi il 19 marzo 2024. Attraverso i Management Equity Programs, i membri del Consiglio Direttivo nonché gli attuali ed ex dirigenti del Gruppo Douglas hanno investito indirettamente nell’azienda. Con i loro investimenti anche i membri della direzione e i dirigenti sottolineano il loro forte impegno nei confronti dell’azienda. Hanno restrizioni riguardanti ulteriori vendite delle loro azioni e hanno concordato un periodo di lock-up scaglionato fino a due anni dopo la quotazione. Inoltre, il Gruppo Douglas e i suoi principali azionisti indiretti, CVC Capital Partners e la famiglia Kreke (entrambi tramite l’azionista venditore), hanno concordato un consueto periodo di lock-up di 180 giorni di calendario successivi alla quotazione delle azioni della società.

Dopo il completamento dell’IPO si prevede che tra il 29,3% e il 31,8% del capitale azionario della società sarà detenuto da nuovi azionisti che parteciperanno all’Ipo, CVC e la famiglia Kreke manterranno i loro investimenti indiretti con conseguenti indiretti partecipazioni comprese tra il 54,4% e il 55,5% per CVC e tra il 10,2% e il 10,4% per la famiglia Kreke nel capitale sociale della società. I membri del comitato esecutivo deterranno tra il 2,5% e il 3,4% del capitale sociale della società.