Douglas cresce nell’e-commerce
Douglas

Douglas cresce nell’e-commerce in modo significativo nel primo trimestre del 2021. Douglas ha compensato forte calo di fatturato dei suoi punti vendita causato dalle chiusure imposte dalla pandemia con la crescita dell’e-commerce. In particolare le vendite generate dall’attività di e-commerce di Douglas sono aumentate del 75,5% rispetto al livello raggiunto nello stesso trimestre dello scorso anno. Allo stesso tempo, le vendite prodotte dalle attività nei negozi sono diminuite del 48,7% a parità di condizioni a causa dei blocchi imposti in tutta Europa. Di conseguenza, le vendite del Gruppo sono state pari a 551 milioni di euro, con un calo del 12,5% a perimetro costante.
Douglas ha incontrato particolari difficoltà in Germania, paese nel quale, durante i primi tre mesi del 2021, Douglas ha sperimentato le limitazioni più restrittive imposte dall’inizio della pandemia con conseguente incremento nella sola Germania delle vendite e-commerce del 61%. Le vendite sono aumentate del 106% nell’Europa sudoccidentale e del 121% nell’Europa orientale.
“Il forte aumento del 75,5% che abbiamo generato nell’e-commerce su base omogenea ha superato le nostre aspettative. Questa crescita ci ha consentito di espandere ulteriormente la nostra leadership di mercato come destinazione per lo shopping unico in Europa per la bellezza. La nostra attenzione sistematica alla tecnologia e ai dati ha generato guadagni significativi in tutti i nostri KPI rilevanti. Questo, a sua volta, ha aumentato ancora una volta l’attrattiva del nostro modello di business per i nostri clienti e partner” ha dichiarato Vanessa Stützle, chief digital officer di Douglas.